Copyright © 2010  •   All Rights reserved
Omega-3 rx Olio di Pesce di ultrapurificato
Omega-3 rx Olio di Pesce di ultrapurificato
Acquista flaconi
Acquista casse
Olio di Pesce
Prodotto
La Zona
News
Contatti
Links
Assistenza clienti:
omega.italia@gmail.com
Home
La carenza di Omega-3 è l’ottava causa di morte negli USA.


Un nuovo studio condotto dalla Università di Harvard, in collaborazione con il CDC (Center for Disease Control), ha determinato che la carenza di Omega-3 causa da 72.000 a 96.000 morti all’anno negli USA, inserendola all’ottavo posto tra le cause principali di morte per gli americani.
La carenza di Omega-3 è più pericolosa dell’uso di alcol e del basso consumo di frutta e verdura:
1. Fumo (da 436.000 a 500.000 morti)
2. Ipertensione (da 372.000 a 414.000 morti)
3. Obesità (da 188.000 a 237.000 morti)
4. Mancanza di attività fisica (da 164.000 a 222.000 morti)
5. Alti livelli ematici di glucosio (da 163.000 a 217.000 morti)
6. Colesterolo LDL alto (da 94.000 a 124.000 morti)
7. Alto consumo di sale (da 97.000 a 107.000 morti)
8. Carenza di Omega-3 (da 72.000 a 96.000 morti)
9. Acidi grassi trans elevati nella dieta (da 63.000 a 97.000 morti)
10. Uso di alcol (da 51.000 a 69.000 morti)
11. Basso consumo di frutta e verdura (da 44.000 a 74.000 morti)
Questa ricerca ha dimostrato che gli Omega-3 sono qualcosa di più che una semplice parte di una sana alimentazione, infatti la loro mancanza nella dieta comporta un concreto rischio di morte.
Il Dott. Andrew Shao, vice presidente del Council for Responsible Nutrition (CRN), ha dichiarato che ” questa analisi rinforza la convinzione che l’alimentazione ha un impatto tremendamente potente sulla salute e la longevità, e che il consumo di Omega-3 (insieme a frutta e verdura) degli americani è lontano da quello che sarebbe necessario.”
Il Dott. Shao ha aggiunto che questo studio ha evidenziato l’importanza di stabilire una Dose Giornaliera Raccomandata (RDA) anche per alcuni forme di Omega-3, come l’EPA (acido eicosapentaenoico) e il DHA (acido docosoesanoico).
“Quando queste quantità saranno stabilite, il governo potrà prendere iniziative per aumentare il consumo degli americani di questi nutrienti critici per la salute”, ha osservato.
Fonte: PubMed U.S. National Library of Medicine – National Institutes of Health 28/04/2009