Copyright © 2012 •   All Rights reserved
Omega-3 rx Olio di Pesce di ultrapurificato
Omega-3 rx Olio di Pesce di ultrapurificato
Acquista flaconi
Acquista casse
Olio di Pesce
Prodotto
La Zona
News
Contatti
Links
Assistenza clienti:
omega.italia@gmail.com
Home
Gli Omega-3 contrastano i danni del fumo



Un recente studio ha mostrato come in poche settimane gli effetti antinfiammatori e protettivi del sistema cardiovascolare dovuti agli Omega-3 riescono a contrastare i danni provocati dal fumo.



La ricerca, divulgata la settimana scorsa al Congresso Mondiale di Cardiologia della World Heart Federation, è stata condotta dai ricercatori greci della Scuola di Medicina dell'Università di Atene.

Gli scienziati hanno analizzato gli effetti a seguito di un'assunzione di 2 grammi al giorno di acidi grassi omega-3 per un periodo di quattro settimane.

I partecipanti, che erano tutti fumatori, hanno mostrato di ottenere benefici sul sistema cardiovascolare.

In particolare si è scoperto che anche un trattamento a breve termine con gli omega-3 migliorava lo stato delle arterie, riducendo la rigidità. Inoltre, gli acidi grassi hanno moderato i danni acuti indotti dal fumo alle proprietà elastiche vascolari.

«Questi risultati suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 inibiscono gli effetti negativi del fumo sulla funzione arteriosa, che è un indipendente marcatore prognostico di rischio cardiovascolare - ha spiegato il coordinatore dello studio dottor Siasos - Gli effetti cardioprotettivi degli acidi grassi omega-3 sembrano essere dovuti a una sinergia tra i molteplici, complessi meccanismi, che coinvolgono gli effetti antinfiammatori e anti-aterosclerotici».

Questo studio è interessante anche per chi non fuma in quanto mostra come gli omega-3, anche a concentrazioni moderate, sono in grado di modulare importanti processi biologici influenzando la funzionalità dei principali sistemi del corpo (cardiovascolare, nervoso, immunitario) e la progressione di alcune delle più significative patologie che colpiscono i sistemi stessi.

Fonte: World Heart Federation