Copyright © 2010  •   All Rights reserved
Omega-3 rx Olio di Pesce di ultrapurificato
Omega-3 rx Olio di Pesce di ultrapurificato
Acquista flaconi
Acquista casse
Olio di Pesce
Prodotto
La Zona
News
Contatti
Links
Assistenza clienti:
omega.italia@gmail.com
Home
Unione Europea raccomanda l’assunzione di integratori di omega-3 durante la gravidanza


I bambini presentano più facilmente un peso alla nascita nella norma e le probabilità di parto prematuro diminuiscono.

Le donne in gravidanza dovrebbero assumere ogni giorno un integratore di acidi omega-3, secondo quanto raccomandato da un comitato di consenso sostenuto dall’UE. L’integratore aumenterebbe le probabilità di avere un figlio sano e potenzierebbe lo sviluppo del bambino.

Il comitato, composto da oltre 50 esperti nutrizionisti coinvolti nei progetti «Perinatal Lipid Nutrition Group» (PeriLip) e «Early Nutrition Programming» (EARNEST), finanziati dall’UE, afferma di avere scoperto che integrando la dieta con DHA le gravidanze sono più sane, i bambini presentano più facilmente un peso alla nascita nella norma e le probabilità di parto prematuro diminuiscono.

Secondo la raccomandazione, appoggiata anche da sette organizzazioni scientifiche internazionali, le madri in attesa e quelle che allattano dovrebbero assumere 200 milligrammi al giorno di un tipo di acido grasso della serie omega-3 chiamato acido docoesaenoico (DHA), contenuto nel pesce grasso come il salmone e lo sgombro. L’assunzione di DHA è stata associata allo sviluppo del cervello e degli occhi.

«Sulla base di analisi sistematiche delle prove disponibili, questo gruppo di esperti internazionali, sostenuto dall’UE, è giunto all’unanime conclusione che le donne dovrebbero assumere regolarmente l’acido grasso DHA durante la gravidanza e il periodo di allattamento, in quanto questo acido ha un’enorme importanza per la salute del bambino», ha riferito al Notiziario CORDIS il professor Berthold Koletzko, dell’ospedale pediatrico presso l’Università di Monaco (Germania).

Il comitato ha tuttavia riscontrato che le diete delle madri occidentali tendono ad essere povere di cibi che possono fornire la dose necessaria. Gli esperti sostengono che questo può essere dovuto al limitato grado di consapevolezza sul ruolo svolto dagli omega nello sviluppo del neonato.

Gli integratori DHA sembrano avere un impatto su varie affezioni e patologie. Prove recenti suggeriscono che essi possono alleviare i sintomi di disturbi quali la schizofrenia, la depressione, la dislessia e l’Alzheimer.

La Food Standards Agency informa che, per le donne in gravidanza e per le donne che allattano, è generalmente prudente il consumo settimanale di due porzioni di pesce grasso di mare, necessarie per assumere la quantità raccomandata di DHA.

L’Agenzia informa inoltre che il DHA può essere assunto anche sotto altre forme, fra cui gli integratori.

Fonte: © CORDIS.EUROPA.eu Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo